domenica 6 ottobre 2013

Evoco

 
 
 
Distratto
sfiora lo guardo
il mare di settembre
incontro
a banchi di nuvole accese
e strie d'azzurri intensi.
Sul pelo dell'onda cheta
evoco le sue mani,
sottili
tra i miei capelli bagnati
e ricordi
di appassionati momenti
sfuggiti nel nostro cielo.
Avidi di noi
ci eravamo persi
nella fretta
di un'estate ruffiana
e annegavo nei suoi occhi
aliti di baci
accesi di fantasie
e carezze d'acqua,
sfumate
nel vocio
d'un assolato meriggio...
era di settembre
anche allora.
 
 
Maria Cavallaro