mercoledì 6 novembre 2013

Ruscelli

 
 
 
 
 
Ti rincorro,
nuvola bianca
nel tuo vento d'amor
che non si placa
e sfiora la mia pelle,
dorato fiume,
di anse in movimento,
dove ti abbeveri avido
e ti unisci
ruscello impetuoso,
alla corsa
di queste acque chiare.
Fino al mare,
lì dove tutto è quiete,
scendiamo
e alfine,
col suo silenzio complice
ci abbraccia la scogliera,
nera,
fra riverberi d'acqua
ed estasi di luna.
 
 
Maria Cavallaro